Weah

 

 

 

 

 

 

George Weah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vai a: Navigazione, cerca

George Weah (nato il 1 ottobre 1966), è un calciatore e un politico liberiano. È considerato il migliore giocatore africano di tutti i tempi.

Indice

[nascondi]

[]

Biografia

Nato a Monrovia in Liberia, Weah è uno dei più noti giocatori di calcio africani. Nel ruolo di attaccante ha giocato per diverse società europee, in particolare per il Milan in Italia.

George Weah è uno degli idoli più grandi dei tifosi rossoneri, ma anche di tutti gli sportivi, grazie sì alle sue straordinarie doti atletiche e creative, ma anche al "George" personaggio, persona amabilissima e unica. George riusciva a risolvere una partita grazie alle sue zampate da leone, alla sua incredibile velocità e potenza fisica. Altruista, potente, veloce, forte di testa, ricco di fantasia, Weah incarnava tutte le caratteristiche del centravanti modello.

Al Milan dalla stagione 95/96 proveniente dal PSG, George delizia tutti sin dall'esordio (Padova-Milan 1-2), realizzando un gol di testa dopo 6 minuti e fornendo poi l'assist per il memorabile ultimo gol del Capitano Baresi.

Pur non segnando tantissimo (alla prima stagione realizza 11 reti in 26 presenze) i suoi gol sono tutti fondamentali per la conquista del 15° scudetto; di sicuro rimarrà scolpito nella memoria dei tifosi rossoneri il suo gol all'ultimo minuto a Roma contro la Lazio (3 dicembre '95).

Nelle 2 stagioni successive, le più deludenti del Milan, George realizza 24 reti in campionato, tra cui alcune di assoluto splendore: nella storia del calcio il suo coast-to-coast alla prima giornata del campionato 96/97 contro il Verona (8 settembre '96), con rete finale (il "gol totale") dopo aver superato 7 avversari percorrendo quasi tutti i 110 metri del campo.

Nel 98/99 George è ancora fondamentale per la conquista del 16° tricolore, con le sue reti bellissime e importanti, tra cui spicca la grandissima doppietta a Torino contro la Juve.

George lascia il Milan a metà stagione 99/00, a 34 anni, per andare al Chelsea, non trovando più spazio da titolare in squadra.

Il suo bilancio complessivo al Milan conta 147 partite, impreziosite da 58 reti così distribuite: 114 (46 gol) in serie A, 19 (5 gol) in Coppa Italia, 12 (7 gol) nelle Coppe europee, 2 in Supercoppa di Lega.

Oltre agli scudetti '96 e '99, vanta alcuni importanti trofei a livello individuale, il più importante dei quali è il Pallone d'Oro, conquistato nel 1995; nello stesso anno si è anche aggiudicato il premio "FIFA World Player Of The Year". Nel 1999 è stato votato come giocatore africano del secolo.

Da sempre legato alla sua terra di orgine, Weah ha sempre donato alla Liberia parte dei suoi guadagni, aiutando le persone più povere della sua nazione, tanto che è stata costruita addirittura una statua che lo raffigura. George era amatissimo da tutta la Liberia, ed era diventato così famoso che fu considerato addirittuara un personaggio scomodo per qualcuno. Cosi dopo aver ricevuto anche delle minacce di morte fu costretto a scappare dalla sua terra.

[]

Carriera calcistica

Stagione Squadra Presenze Goal
2000-01 O. Marsiglia 19 5
2000-01 Manchester City 7 1
1999-00 Chelsea F.C. 11 3
1999-00 AC Milan 10 4
1998-99 Milan 26 8
1997-98 Milan 24 10
1996-97 Milan 28 13
1995-96 Milan 26 11
1994-95 Paris SG 34 7
1993-94 Paris SG 32 11
1992-93 Paris SG 30 14
1991-92 AS Monaco 34 18
1990-91 Monaco 29 10
1989-90 Monaco 17 5
1988-89 Monaco 23 14
[]

Titoli


[]

Carriera politica

Da quando ha abbandonato l'attività agonistica Weah è diventato una figura umanitaria e politica nel suo paese, impegnandosi a fondo nella lotta contro i mille problemi che attanagliano la sua Liberia, uscita da una cruenta guerra civile.

A metà novembre 2004 George Weah annuncia una sua possibile candidatura alle elezioni presidenziali liberiane dell'11 ottobre 2005. Il 13 agosto 2005 viene confermata la sua candidatura con il Cdc, Congresso per la Democrazia e il Cambiamento (Congress for Democracy and Change).

Al primo turno è il candidato più votato con il 28,3% dei voti, ma al ballotaggio viene sconfitto dall'economista Ellen Johnson-Sirleaf, che ottiene il 59,4% dei consensi.

 

 

 

 

HOMEPAGE

 

Se in questi sito dovesse venir violata alcuna forma di copyright o leso alcun diritto d'autore siete pregati di farlo presente al webmaster mail jackxaus@katamail.com che provedderà ad eliminare il suddetto materiale, faccio presente che la maggior parte di filmati sono situati in siti non di competenza  del webmaster che si può limitare ad eliminare il collegamento.