Rivaldo

 

 

 

 

 

 

Rivaldo  http://digilander.libero.it/hayden69/RIVALDO%20BIOGRAFIA.htm

                                            (biografia tratta da questo sito)

                            Campione predestinato
     
 

Nato a Recife in Brasile il 19 Aprile 1972, 186 centimetri di statura per 75 chilogrammi, Rivaldo è il terzo di cinque fratelli insieme con Ricardo, Rinaldo, Cristiane e Soraya. Rivaldo aiuta la sua famiglia guadagnando qualche soldo vendendo panini, frutta e dolci a scuola o caricando le borse della spesa all'uscita del supermercato.

Una rivincita anche su una vita non sempre generosa nei suoi confronti, segnata dall'unico fattore di svago sano e possibile nelle "favela" di Beberibe, ovvero il pallone.
Per il resto un'infanzia straziata dal tragico incidente del padre Romildo, investito da un autobus municipale e vanamente atteso per tutta la notte dal figlio allora diciassettenne. Il mattino seguente è la radio della cittadina brasiliana a comunicare alla famiglia la sciagura. Rivaldo vacilla forse come non mai, umanamente e nel suo rapporto con il calcio. Il genitore scomparso lo spronava a diventare una star del football ed ora la sua assenza lascia un vuoto anche nelle motivazioni del figlio. Complice anche un infortunio ad un ginocchio a due soli giorni dal debutto nel Santa Cruz, il talento dalla faccia triste decide di provarci per inerzia. E per inerzia percorre un paio d'anni dopo tre giorni interi d'autobus per firmare il suo primo contratto da professionista, con il Mogi Mirim. Il salario è irrisorio ma a lui basta contribuire anche minimamente alle sparute entrate familiari.
Da allora le gambe esili del ragazzino mancino cominciano a scalare posizioni su posizioni; il suo piede sinistro incanta per dolcezza e precisione. Prima il Corinthians e poi la nazionale, nella quale debutta al fianco di mostri sacri come Dunga e Leonardo segnando il gol decisivo nella vittoria sul Messico. E' il dicembre '93 e solo tre mesi dopo gioca proprio con la maglia verde-oro il match amichevole contro l'Argentina a Recife, la sua città. E', a suo dire, il momento più bello. Davanti alla sua famiglia e a tutti quelli che non avrebbero mai creduto potesse arrivarci. Papà Romildo osserva dall'alto le melodiose giocate del figlio. Anche per lo sfortunato genitore quello sarebbe stato il giorno della vita.

Il resto è storia contemporanea, con l'approdo nel vecchio continente, dove prima il Deportivo la Coruna e poi il Barcellona segnano le ultime tappe della escalation. Una rincorsa verso le glorie mondiali frenata solo da quello Zagallo che lo esclude dalla nazionale perché necessita di un capro espiatorio dopo la grande delusione olimpica di Atlanta.

Il Brasile infatti contro la Nigeria perde in semifinale dopo aver condotto per 3 a 1 sugli africani. Rivaldo entra in campo nel secondo tempo e da una sua palla persa a centrocampo, le "Aquile nere" riescono ad imbastire l'azione che li riavvicina ai favoritissimi avversari. Una piccola distrazione, un segno avverso del destino ed ecco che il tecnico dei verde-oro è pronto a gettare la croce addosso al giocatore. Non solo; si decide che Rivaldo mena pure gramo perché sino al suo ingresso la nazionale sudamericana era avanti di due gol.
In Brasile, terra dove riti, macumbe e dicerie contano più della legge, facile che prendano piede certe voci. Rivaldo non è però più un adolescente in preda ai dubbi esistenziali. Dietro lo sguardo malinconico si è forgiato un carattere forte, capace di vincere anche fuori dal rettangolo verde. Parlano per lui i numeri da allora. Ventuno gol nella prima stagione con il Deportivo gli valgono l'arrivo miliardario in maglia "blaugrana". Con il Barcellona, 43 reti in due annate con altrettanti campionati vinti, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa europea. Tutto è pronto per il gran finale, ovvero i mondiali transalpini dove viene investito alla pari di Ronaldo di grandi responsabilità. A cominciare dal numero 10 sulla schiena, simbolo nella sua nazione da sempre di uomo-faro, atleta illuminante capace del tocco geniale. La presunta maledizione del "gatto nero" dà invece quello che sarà l'ultimo colpo di coda. Il Brasile viene giustiziato dalla serata storica dei francesi e di quello Zidane a sua volta fino a quel momento giudicato dai connazionali ugualmente portatore di disastri con la maglia della nazionale.
Dall'ennesimo momento difficile Rivaldo trova ancora interiormente la capacità di reagire e ripartire alla grande. La già citata vittoria nella Coppa America di pochi mesi fa, il titolo di miglior calciatore della manifestazione e il recente Pallone d'oro sono il simbolo lampante di come ancora una volta a Recife chi storceva il naso per le sue doti funamboliche sia destinato a ricredersi.

 

Il 2002 è l'anno del mondiale asiatico;il Brasile parte con una vittoria contro la Turchia,batte il Costarica,la Cina,l' Inghilterra;fino ad arrivare alla finale dello Yokohama,propio in questo stadio Rivaldo conquistera' la Coppa del Mondo.    Da lassù, dalla vetta assoluta del pallone, il punto di contatto con papà Romildo è stato veramente vicino.

Passa in fretta l'estate per  l' Extraterrestrre  (soprannominato così per via delle sue giocate fuori dal normale) al ritorno dal mondiale nippo-coreano passa molto tempo nella capitale brasiliana con la seleçao per far vedere dal vivo a l' euforica gente brasiliana l'ambito trofeo mondiale;ma questa estate per lui sarà anche quella che lo porterà a firmare il contratto che lo vedrà esibirsi nelle passerelle del calcio italiano.

Appena rescisso il contratto con la società azulgrana a causa del pessimo rapporto fra Rivaldo e il tecnico olandese Luis Van Gal è il  Milan è  la prima squadra europea a fiondarsi sul pentacampione. Sono le 15.30 a Recife , 22.30 ora italiana,quando la società comunica  ufficialmente l' ingaggio di VITOR BORBA FERREIRA RIVALDO.......

.......FORZA CAMPIONE !!!

 

 

 

 

HOMEPAGE

 

Se in questi sito dovesse venir violata alcuna forma di copyright o leso alcun diritto d'autore siete pregati di farlo presente al webmaster mail jackxaus@katamail.com che provedderà ad eliminare il suddetto materiale, faccio presente che la maggior parte di filmati sono situati in siti non di competenza  del webmaster che si può limitare ad eliminare il collegamento.