Alfredo Di Stefano

 

 


Alfredo Di Stefano. best soccer player
Video inviato da jacksbacks

 

 

 

 

Nome: Alfredo di Stefano
Data di nascita: 4 luglio 1926
Luogo di nascita: Buenos Aires Argentina

Biografia

Alfredo Di Stefano nasce a Buenos Aires il 4 luglio 1926. Figlio di emigranti italiani, come si nota chiaramente dal nome e ancor più dal cognome, non ha tuttavia mai assunto la cittadinanza italiana, pur assumendone poi, oltre a quella argentina, quella colombiana e quella spagnola. Dotato fin da ragazzino di grandissima velocità, inizia a giocare appena dodicenne nei Los Cardales, una formazione dilettantistica argentina. Tre anni più tardi, a notarlo è il River Plate, che lo tessera per la formazione giovanile e solo un anno dopo il ragazo è già in prima squadra, ma i biancorossi hanno un attacco fenomenale e Di Stefano non riesce a trovare spazio. Viene così prestato all'Huracan, dove mette a segno 50 reti in 66 partite e realizza anche la rete più veloce della storia del campionato argentino: in soli 15 secondi, per ironia proprio contro il River Plate. I "rojiblancos" capiscono e vedono bene, nel '47, di richiamarlo alla base e con il River Di Stefano conquista campionato e titolo di capocannoniere. A coronare la stagione arriva la convocazione nella nazionale argentina e la conseguente vittoria della Coppa America, di cui è ancora il capocannoniere con 6 reti. L'anno successivo uno sciopero dei calciatori ferma il campionato argentino: per aggirare il divieto di giocare (e per non essere bollati come crumiri) molti calciatori argentini si trasferiscono in Colombia e così fa anche Di Stefano, che finisce ai Millionarios di Bogotà. Qui la sua stella splende in maniera eccezionale: 267 reti in 292 partite, quattro scudetti su cinque campionati e anche 4 convocazioni in nazionale colombiana. Nel 1953 parte per una tournée in Europa e, in Spagna, affronta il Real Madrid. Il leggendario presidente madridista Santiago Bernabeu decide di acquistarlo e lo prende dai Millionarios per 70mila dollari, una cifra che per l'epoca era spaventosamente elevata. Il suo passaggio ai galacticos, tuttavia, è segnato da una controversia: su di lui, infatti, c'è il Barcellona, ma il generale Francisco Franco interviene e dice che il campione argentino giocherà a turno un anno col Real e uno con i blaugrana. Questi ultimi, indignati, si ritirano e Bernabeu può così completare il suo acquisto. Attorno a Di Stefano, via via, prende corpo una squadra micidiale, che tuttavia ha in lui il suo centro: l'argentino è la sintesi del calcio: velocissimo (tanto da guadagnarsi il soprannome di Saeta Rubia, Freccia Bionda), dotato di una tecnica eccelsa e, soprattutto, di un senso del gol che pochi avranno. Non a caso, con le sue 900 e passa reti in carriera, Di Stefano è il quarto marcatore di ogni tempo. Con il Real Madrid l'argentino vince praticamente di tutto: 8 campionati spagnoli, una Coppa Intercontinentale e le prime 5 edizioni della Coppa dei Campioni, in cui andò sempre a segno nelle rispettive finali. I maligni dicono che a quel tempo giocava solo il Real (e non è del tutto falso, perché il Benfica di Eusebio e il Manchester di Best e Charlton dovevano ancora venire), ma quel Real schierava un attacco, attorno a Di Stefano, composto da Raymond Kopa, Hèctor Rial, Francisco Gento e poi anche Ferenc Puskas. Stiamo parlando di quattro fuoriclasse di livello assoluto, che hanno fatto non solo la storia del Real Madrid. Di Stefano, leader indiscusso delle merengues, vincerà due Palloni d'Oro (1957 e 1959) e si guadagnerà anche la convocazione nella nazionale spagnola di Helenio Herrera, anche se non potrà giocare il Mondiale in Cile del '62 per un infortunio. Due anni dopo, successivamente all'ennesima finale di Coppa dei Campioni, stavolta però persa contro l'Inter sempre di Herrera, Di Stefano lascia il Real e gioca due stagioni nell'Espanyol di Barcellona prima di ritirarsi. Rimane però nel mondo del calcio come allenatore e nel 1970 vince con il Boca Juniors un campionato argentino. Poi va in Portogallo dove allena lo Sporting di Lisbona nella stagione 1974-75, quindi ritorna in Argentina dove vince un altro titolo, ma stavolta con il River Plate e poi si siede sulla panchina del Valencia, dove riporta lo scudetto dopo 24 anni. Le sue due ultime brevi apparizioni sono state al Real Madrid per due spezzoni di stagione nel 1983 e nel 1991. In seguito è divenuto presidente onorario del club spagnolo. Ha recentemente rischiato la vita per un grave infarto, che di certo non è stato facilitato dalla sua età veneranda, ma si è ripreso bene ed è tornato al suo posto, ultimo simbolo del calcio degli anni '50, quello che può essere definito il primo, vero, grande calcio.

Carriera da giocatore
Successi internazionali

Coppa America : 1947 (Argentine).

Squadre

1944-1945 : River Plate Argentine
1945-1946 : Huracan Argentine
1946-1949 : River Plate Argentine
1949-1953 : Los Millonarios Colombie
1953-1964 : Real Madrid Espagne
1964-1965 : Espanyol Barcelone Espagne

Successi con squadre di club
Coppa intercontinentale : 1960 (Real Madrid).
Coppa Campioni (5) : 1956, 1957, 1958, 1959 et 1960 (Real Madrid).
Campione d'Argentina : 1945 e 1947 (River Plate).
Campione di Colombia : 1949, 1951, 1952 e 1953 (CD Millonarios).
Campione d'Spagna (8) : 1954, 1955, 1957, 1958, 1961, 1962, 1963 et 1964 (Real Madrid).
Coppa di Spagna : 1962 (Real Madrid).
Coppa Colombia : 1953 (CD Millonarios).
Coppa Latina : 1955 e 1957 (Real Madrid).

Altro
Pallone d'oro : 1957 e 1959.
Capocannoniere campionato Argentina nel 1947 (27 gol).
Capocannoniere campionato Colombia en 1951 (31 gol ) e 1952 (19 gol)
Capocannoniere campionato spagnolo nel 1954 (27 gol), 1956 (24 gol), 1957 (31 gol), 1958 (19 gol) e nel 1959 (23 gol).

(tratta dal sito http://www.new-dimension-software.com/news/mondiali/alfredo-di-stefano.php )

 

 

 

 

HOMEPAGE

 

Se in questi sito dovesse venir violata alcuna forma di copyright o leso alcun diritto d'autore siete pregati di farlo presente al webmaster mail jackxaus@katamail.com che provedderà ad eliminare il suddetto materiale, faccio presente che la maggior parte di filmati sono situati in siti non di competenza  del webmaster che si può limitare ad eliminare il collegamento.